Tu devi continuare

les azuleiosMolto gradevole sentirselo dire ! E a me è capitato, davvero. E' confortante ripeterselo poi, soprattutto nei momenti difficili, quando cioè vorrei che ci fossero progressi consistenti al posto di giornate trascorse senza alcuna "magia".

Sabato ho giocato con poca convinzione, forse anche con scarso impegno. Non saprei dire bene i motivi.

Della gara invece mi fa piacere ricordare gli "esperimenti" riusciti, che considero già come conquiste consolidate, sicura di saperle ripetere insomma. Comunque sia, ho usato di nuovo il drive, spinta più dall'esigenza di dover sostituire il logoratissimo legno tre che da altro. Con gioia, mi sono resa conto che i tiri erano buoni e la pallina volava in alto, proprio come volevo.
E ancora, la prova più esaltante è stata quella relativa allo swing, che mi ha fatto capire come sia possibile ottenere distanze maggiori. Quasi vergognandomi, ammetto di non averlo mai intuito prima. Ora spiegarlo non è facile, ho scritto e cancellato le descrizioni diverse volte, tutte hanno significato solo per me. Prima di ritornarci, bisogna che ripeta ancora l'intera sequenza. Ho solo timore di dimenticare come fare !

Così, la scelta dei tiri da fare si amplia, ed il gioco acquista una nuova prospettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

hcp34 prevede l'utilizzo dei cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente all'uso dei cookie. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi