Olgiata: Hublot Golf Trophy 2013

Il tempo trascorso in campo vola via sempre con leggerezza, senza scalfire mai né l'entusiasmo né la passione per il Golf. Così, contare i minuti alla prima edizione dell'Hublot Golf Trophy, per conquistare il premio "Bet on time", è stata una divertente esperienza, che non dimenticherò !
Tutti sono stati invitati a scommettere sull'ora di consegna dello score, accettando con curiosità la nuova sfida lanciata dal prestigioso brand di orologi. Tuttavia, solamente alcuni sono riusciti a rispettare le previsioni e hanno potuto partecipare all'estrazione di una preziosa cornice in argento, offerta da Style Magazine (RCS Group), media partner del circuito, firmato da MilleEventigolf.

Altrettanto interessanti anche gli altri premi in palio, assegnati in ciascuna delle tre gare disputate (con formula 18 buche Stableford, 3 categorie) al Royal Park i Roveri, al Pevero Golf Club e all'Olgiata Golf Club. Della linea di accessori Hublot, sono stati distribuiti ergonomici trolley ed esclusive sacche Titleist, realizzate in edizione limitata.
Dei molti prodotti commercializzati dalla maiçon svizzera, si nota la ricerca costante di un design innovativo, applicato a una serie di progetti originali, creati con materiali monocromatici (la black bike in carbonio, lo slittino, gli sci, le penne in titanio e ceramica). Le speciali leghe di metallo, leggere e resistenti, insieme al movimento Unico, interamente sviluppato in house, hanno reso famosi i rivoluzionari cronografi, con il bracciale in caucciu. L'elegante Bing Bang (il mio preferito !) ha vinto il premio "Best Design" al Grand Prix d'Horlogerie nel 2005, appena pochi mesi dopo il lancio.


I modelli delle collezioni King Power, Classic Fusion, Masterpiece sono tecnologici, raffinati, funzionali. Lo stile essenziale e ricercato esalta le personalità degli sportivi, tanti nel team degli ambassador, tra cui mi sembra però di non aver ancora visto esponenti del mondo del golf.
Hublot ha stipulato prestigiose partnership, diventando official Timekeeper della 32° Copa del Rey e official watchmaker della Formula 1 (marzo 2010).
La Company, fondata a Ginevra nel 1980 da Carlo Crocco e poi venduta nel 2008 a Louis Vuitton Moet Hennessy (LVMH Group), in pochi anni ha raddoppiato le revenue del brand (il mercato più vasto è quello degli Stati Uniti, seguito da Francia, Hong Kong, Dubai, Germania e Italia).
Il sito (PageRank 6) ha giornalmente oltre 9.000 accessi e davvero frequentate sono le community sui principali social network (Twitter, Pinterest, Facebook, Instagram). L'applicazione per mobile consente di scoprire agevolmente tutte le caratteristiche delle varie collezioni e le boutique, è perfino possibile comporre il proprio orologio, assemblando personalmente ogni componente.

Da fan Hublotista, spero di riascoltare presto sul green l'inconfondibile tic-tac 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

hcp34 prevede l'utilizzo dei cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente all'uso dei cookie. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi