Golf fonte di stress

A chi del golf considera solamente l'aspetto rilassante e ricreativo, propongo lo studio Mood changes following golf among senior recreational players (pubblicato in Journal of Sports Science & Medecine, 1 Marzo 2005) di Haydn Jarrett dell'Università di Worcester e di Andrew M. Lane dell'Università di Wolverhampton.Mood changes following golf among senior recreational players
Gli autori del paper hanno analizzato le risposte fornite da un gruppo di golfisti, prima di una Medal di 18 buche e subito dopo aver terminato la gara.
Rabbia, depressione ed affaticamento sono sempre sul punto di prendere il sopravvento sull'umore di chi esercita questa disciplina. Le tensioni influenzano così negativamente il gioco da diventare fondamentale escogitare strategie efficaci, per il controllo dell'emotività più che per perfezionare la tecnica.

Umore alto e calma invece sono le dimensioni psichiche ideali che consentono di conseguire buone performance. Ma questa particolare disposizione come raggiungerla e, soprattutto, come riuscire a mantenerla costante, almeno per 5 ore?
Gli studiosi espongono alcune pratiche modalità, tutte valide e legittime. Chi gioca da tempo troverà delle utili conferme, i neofiti invece scopriranno come diminuire l'ansia e consegnare buoni score.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>