5 domande a Franco Scarpellini

Associazione Italiana Ingegneri Golfistihcp34 L’AIIG, Associazione Italiana Ingegneri Golfisti, è nata nel 1991 ed è aggregata alla Federazione Italiana Golf. Quali sono le vostre principali attività ?

FS Abbiamo un circuito di 6 gare, Campionato Nazionale compreso.

hcp34 Quanti sono i soci regolarmente iscritti all’AIIG ? E da quali regioni provengono ?

FS La media si aggira tra le 90 e 100 unità; le regioni sono quelle settentrionali: Piemonte, Lombardia, Emilia, Veneto, Liguria e un socio nell’alta Toscana.

hcp34 L’AIIG ha obiettivi in comune con l’AIGL, Associazione Architetti ed Ingegneri Golfisti del Lazio ?

FS Non proprio, qualche volta ci siamo sentiti, ma non siamo riusciti ad incontrarci per cercare un obiettivo comune.

hcp34 Dal sito, sembra che l’AIIG sia una community attiva e comunicativa. Utilizzate lo strumento digitale per diffondere le vostre iniziative ?

FS Sì, ma in maniera molto artigianale. Tutto viene gestito dal sottoscritto, in qualità di Segretario e Presidente. Purtroppo abbiamo pochi sponsor e non molto munifici.

hcp34 Secondo Lei, cosa si potrebbe ancora fare per aumentare il numero di golfisti a livello nazionale ?

FS Non saprei, non credo esistano operazioni efficaci in merito. Il Golf è ancora visto come uno sport molto costoso (e in parte lo è) e non si è ancora diffuso fra i giovani. Forse dovrebbero provvedere quei comuni in località turistiche a proporre campi a livello dilettantistico, per invogliare la popolazione giovane e vacanziera ad avvicinarsi a questo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *