hcp34 - Golf & Web

5 domande a Marco Dal Fior

21 Novembre 2008

Associazione Italiana Giornalisti Golfistihcp34 Complimenti per la recente nomina a Presidente dell'Associazione Italiana Giornalisti Golfisti. Quali iniziative caratterizzeranno il suo mandato ?
MDF Spero di continuare al meglio l'opera iniziata sotto la presidenza di Gianni Bianco che ha portato l'Associazione Italiana Giornalisti Golfisti a superare quota 160 iscritti. Senza parlare dei grandi successi agonistici (uno su tutti: il titolo europeo a squadre conquistato lo scorso anno a Riva dei Tessali all'European Master for Golfplaying Journalists) e della gran mole di lavoro organizzativo. Solo il Challenge Aigg Contarini, il trofeo sponsorizzato dall'azienda vinicola trevigiana, che l'Associazione ogni anno organizza con lo scopo di raccogliere fondi da destinare in beneficenza, ha in calendario per il 2009 la bellezza di 11 appuntamenti distribuiti tra febbraio e ottobre.

hcp34 In cosa il calendario delle gare 2009 si distinguerà da quello dell'anno precedente ?
MDF Toccheremo Golf club diversi. Se nel 2008 abbiamo girovagato tra Villa Paradiso, Padova, Castelconturbia, Prà delle Torri, Golf Club Toscana, Punta Ala, Cansiglio, Ca' della Nave, Golf dei Laghi, CastelVolturno, Parco di Roma, Le Querce e la Bollina, il calendario 2009 , che viene definito nei particolari proprio in questi giorni, prevede appuntamenti a Bologna, Villa d'Este, Royal Park e Golf Club Torino, Modena, Bergamo, Argentario, Saturnia, Asolo, Ca' della Nave, Padova, della Montecchia e Franciacorta. Oltre, naturalmente, al tradizionale appuntamento dicembrino di Rapallo che chiude ormai per consuetudine la nostra attività sui green.
Anche per il 2009 a ogni gara raccoglieremo offerte per iniziative benefiche. Nel 2008 la cifra totale raccolta ha superato i 12.000 euro.

hcp34 Pensa che il web possa contribuire a diffondere il golf ? Il premio nazionale Pallina d'Oro dell'AIGG coinvolgerà anche i progetti digitali ?
MDF Il web è un enorme sistema di comunicazione e come tale è un aiuto insostituibile alla diffusione delle idee. Da quelle di libertà e democrazia, a quelle, se volete più futili, legate al benessere psico fisico. Il fatto che in Rete abbondino siti che si occupano di golf è un sintomo incoraggiante: si dice che green e fairways siano roba da vecchietti, evidentemente o i nonni italiani sanno usare magistralmente il computer, oppure il target del golf, anche nel nostro Paese si sta abbassando. Ed è un buon segno.

Quanto alla Pallina d'Oro, il premio che l'Associazione Italiana Giornalisti Golfisti assegna ogni anno alle personalità che più si sono distinte nella promozione e nella diffusione del golf in Italia, già alla prima edizione fra i finalisti ci furono personaggi legati al Web e che ricevettero la segnalazione proprio per la loro capacità di utilizzare una tecnologia innovativa in uno sport che a prima vista sembra abbarbicato a tradizioni secolari.

hcp34 Secondo lei, il Golf sarà incluso tra i giochi delle Olimpiadi 2016 ? Quali benefici ne potrebbero scaturire ?
MDF Non so se il golf ci riuscirà e – se devo essere sincero – la cosa non turba i miei sonni. Non credo che il golf sia una disciplina particolarmente avvincente dal punto di vista televisivo: una partita dura troppo, ha tempi morti insopportabili per uno spettatore non ancora appassionato a questa disciplina. Non credo che potrebbero essere le gesta dei campioni chiamati a competere per una medaglia d'oro invece che per un assegno a promuovere il golf nel mondo. Esattamente come la lotta greco-romana: è presente da sempre alle Olimpiadi, ma non mi risulta che ci sia la fila fuori dalle palestre per provare l'ebbrezza di un incontro sul tappetino. Il golf come sport olimpico si rivelerebbe – questo è certo – un ottimo affare per le aziende che attorno al golf ruotano. Ma – senza sottovalutarne l'importanza – non riesco ad entusiasmarmi alla lettura di un bilancio.

hcp34 Da quanto tempo gioca e come si è avvicinato al Golf ?
MDF Ho cominciato molti chili e molti capelli fa: era il 1990 e mio padre aveva cominciato a prendere qualche lezione in un Golf Club vicino all'azienda dove lavorava. L'ho visto così "fuori di testa" per questa scoperta che, incuriosito, ho voluto provare anch'io a cimentarmi con lo swing. I primi colpi li ho tirati in Corso di Porta Romana nel centro di Milano. C'era una palestra che aveva attrezzato uno dei primi golf indoor italiani. Avevano preparato un pacchetto chiarissimo (ingresso, 10 lezioni da mezz'ora, palline di pratica, uso dell'attrezzatura, tutto a x lire), ho telefonato, mi sono presentato e così sono entrato anch'io nel tunnel.
Mia madre e mia moglie per un po' hanno guardato me e mio padre come due pazzi. Poi anche mia moglie ha provato a tirare i primi colpi e così il menage familiare si è salvato.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Current ye@r *